L’infiltrazione, concettualmente, consiste nella inoculazione di sostanze attive rivolte ad agire localmente.

A scopo antalgico possiamo infiltrare all’interno di grandi e piccole articolazioni, intorno e vicino a nervi e gangli, intorno, vicino e/o dentro ai muscoli, intorno i tendini e fasce muscolari.

A questo scopo abbiamo a disposizione una serie di sostanze che ci permettono di ridurre il dolore e l’infiammazione che comunemente ne sono la causa.

Quindi a tale scopo possiamo infiltrare con anestetici locali, cortisonici, acido ialuronico, plasma ricco di piastrine (PRP), cellule staminali mesenchimali del tessuto adiposo.

Nel nostro lavoro utilizziamo di regola l’ecografia come guida per eseguire le infiltrazioni. Questo ci permette di ridurre complicanze e falsi negativi, di aumentare la precisione visualizzando l’ago, la struttura da trattare, la sostanza iniettata ed inoltre di fare diagnosi di numerose patologie.